Cagliari Sailing Charter
Ricerca barche
Paese
Zona di navigazione
Base
Tipo
Da
al

Tipo di offerta
Servizio
Cantiere navale
Modello
Lunghezza fuori tutto:
Cabine
Posti letto:
WC / Docce:
Prezzo settimanale:
Anno:

Rotta Sud Est

Download: itinerary-sud-est.pdf

Poetto, golfo degli Angeli

39°12.140’N 9°10.450’E

La nostra base nel Sud Sardegna è raggiungibile in pochi minuti dall’aeroporto diCagliari Elmas, ed è perfettamente al centro del Golfo degli Angeli. Racchiuso tra Capo Spartivento a ovest e Capo Carbonara a est, offre la possibilità di visitare durante la vostra vacanza pressoché tutte le località più belle della costa meridionale.

La stessa Cagliari, capitale storica e culturale della Sardegna, si mostra al visitatore con la sua solarità fatta di scorci suggestivi. Dalla nostra base nella Marina di Portus Karalis si possono raggiungere in pochi minuti a piedi i punti più belli della città: i quartieri di Castello e Marina, la Spiaggia del Poetto e le vie della movida notturna dal sapore mediterraneo lasceranno in voi un segno indelebile.

Sia che decidiate di risalire l’isola nel versante orientale, sia che optiate per quello occidentale, incontrarete nel vostro percorso coste frastagliate, isole di rara bellezza e calette incontaminate, e potrete decidere se sostare alla fonda nei ridossi oppure nei vari porticcioli per visitare le località che vi presentiamo di seguito.

Centrato sulla spiaggia del Poetto, con i suoi otto chilometri di sabbia e la caratteristica Sella del Diavolo, il Golfo degli Angeli è la porta d’accesso al Mediterraneo nonché uno snodo strategico per le rotte turistiche

Cala Regina

Lasciandosi alle spalle il semiarco del Poetto troverete di fronte a voi una costa alternativamente rocciosa e sabbiosa, con diverse spiagge, il primo porticciolo a metà tra Cagliari e Villasimius è la Marina di Capitana - Quartu S.Elena, presenti servizi al diporto, carburante, market (tel. 070.805460 www.marinadicapitana.it).

Torre delle stelle - Geremeas

Proseguendo verso est scorgerete diversi villaggi che sorgono lungo la strada costiera che da Cagliari va a Villasimius. Nessun approdo attrezzato in questa parte di costa, ma diverse spiagge con mare cristallino e sabbie chiare, presenti ridossi per venti dai quadranti settentrionali.

Nella foto la spiaggia di Gennemari.

Villasimius

39°7.482’ N - 9°30.201’ E

Un promontorio che funge da portale di ingresso verso la baia di Villasimius. Assieme all'Isola dei Cavoli (circa mezzo miglio a sud est del Capo), all'Isola di Serpentara (ad est) e a tutta l'area circostante, forma l' Area Marina Protetta Capo Carbonara.

L'area è suddivisa in quattro tipologie di zone con diversi gradi di tutela. Gli splendidi fondali marini di Villasimius sono meta costante di immersioni in tutte le stagioni dell'anno, nonostante ciò bisogna fare attenzione alle linee guida che regolamentanotali attività in questa zona: è bene prendere visione delle aree interdette alla navigazione, alla balneazione e le altre direttive sul sito www.ampcapocarbonara.it. (attenzione: multe salate per i trasgressori!)

Sui due lati del promontorio sono presenti diverse località turistiche. Lungo la costa ovest del promontorio incontriamo il porticciolo di Villasimius con la Spiaggia del Riso, i resti di una antica fortezza con la Torre vecchia, Punta Santo Stefano (la propaggine più occidentale del promontorio) e la frazione di Santa Caterina con la sua caletta; sulla costa est troviamo la spiaggetta di Is Traias, la bellissima spiaggia di Porto Giunco, lo Stagno di Notteri con i Fenicotteri rosa, la Torre di Porto Giunco e la spiaggetta di ciottoli di Cava Usai (cava di granito dismessa negli anni '50).

Le sue coste sono una delle zone più interessanti della Sardegna, ma fate attenzione agli scogli affioranti nei pressi del Capo.

Isola dei Cavoli

L'Isola dei Cavoli si trova a sud-est del Capo Carbonara. Dal mare scorgerete il faro costruito dai piemontesi nella seconda metà dell'Ottocento su una preesistente torre spagnola del XVI secolo.

Nei fondali dell'isola, a circa 10 metri di profondità, verso sud, si trova la granitica statua della Madonna del Naufrago (protettrice dei naviganti, la cui tradizionale venerazione culmina nella festa del paese, ogni penultima domenica di luglio) opera dello scultore sardo Pinuccio Sciola.

Costa Rei

39°15.479’ N–9°34.979’E

Una volta oltrepassato il Capo navighiamo lungo le bellissime spiagge inserite lungo la costa che si erge frontalmente sull'isola di Sepentara e si estende per circa sette km da Cala Sinzias, Porto Pirastu, alternando piccole insenature pittoresche e lunghe spiagge.

L'intero tratto racchiuso tra Cala Pira e Cala Sinzias, e Capo Ferrato, si chiama Costa Rei. La lunga spiaggia bianca ha ricevuto il "premio Travel blogger" dal prestigioso editore di guide di viaggio "Lonely Planet", che ha incluso Costa Rei tra le 10 spiagge più belle del mondo.